Installazione addolcitori acqua bergamo

provincia

Installazione addolcitori acqua bergamo Cimacalor: manutenzione caldaie beretta Bergamo.

Quando l’acqua contiene una quantità abbondante di calcio e di magnesio, è denominata acqua dura. Questi sali tubi ostacolano la dissoluzione di sapone e detersivi causando incrostazioni nelle tubature. Per questo è consigliabile l’installazione di impianti addolcitori, sia per uso domestico che industriale. I nostri installatori sapranno consigliarti i migliori addolcitori per acqua in base alle caratteristiche del tuo impianto.

Cimacalor: Installazione addolcitori per impianti idraulici e manutenzione caldaie beretta Bergamo.


Addolcitori
Il DM 26 giugno 2015 ha introdotto importanti novità in merito al trattamento acqua degli impianti termici. Nella tabella allegata è stato fatto un riepilogo di quali siano le nuove imposizioni per gli impianti realizzati a partire dal 01 ottobre 2015. Fino a tale data continua a valere quanto riportato nel DPR59/2009.

Per quanto riguarda il trattamento dell’acqua dell’impianto di riscaldamento, il DM 26 giugno 2015 impone:
  • per tutti gli impianti termici, indipendentemente dalla loro potenza, un condizionamento chimico dell’acqua dell’impianto;
  • un addolcitore per impianti di potenza termica del focolare superiore a 100kW quando la durezza dell’acqua supera i 15°F.
Assistenza caldaie beretta bergamo
Il decreto fa riferimento per ben due volte alla norma UNi8065 come norma da seguire per il trattamento dell’acqua degli impianti di riscaldamento ed è addirittura più severo della norma stessa che prevedrebbe l’obbligo di addolcire l’acqua di riscaldamento solo in presenza di impianti di potenza non minore di 350kW, oppure per impianti di potenza inferiore a 350kW, ma con durezza dell’acqua superiore a 35°F.

Per quanto riguarda invece il trattamento dell’acqua calda sanitaria, dal momento che il decreto tratta unicamente l’acqua dell’impianto di riscaldamento, l’unico riferimento normativo è la suddetta norma UNi8065 che prevede per l’acqua calda sanitaria, indipendentemente dalla potenza termica dell’impianto, un addolcitore se la durezza è maggiore o uguale a 25°F, o la possibilità di scegliere tra un condizionamento chimico o un addolcitore se la durezza è inferiore a 25°F.

E’ chiaro che, considerato anche i notevoli costi di un addolcitore, se, nei casi previsti dal decreto, questo dispositivo deve essere installato per il trattamento iniziale dell’acqua dell’impianto di riscaldamento e per il gruppo di riempimento automatico, conviene utilizzarlo anche per il trattamento dell’acqua calda sanitaria.

Si ricorda infine che le nuove imposizioni sul trattamento dell’acqua riguardano non solo gli impianti  nuovi, ma anche quelli sottoposti a ristrutturazione o a semplice sostituzione del generatore.

Il fatto che nel caso dell’addolcitore d’acqua sia necessaria una normativa adeguata, è dovuto proprio al fatto che la durezza dell’acqua può avere risvolti non da poco.

Basti pensare ad esempio al fatto che usare acque ricche di calcare costringe ad utilizzare una maggiore quantità di detersivi e può contribuire al malfunzionamento degli impianti termici e sanitari.

Il calcare, infatti, essendo un ottimo isolante, una volta che si sia depositato va ad impedire il corretto scambio termico nelle caldaie e nelle resistenze elettriche di lavatrici, lavastoviglie e scaldabagni, contribuendo a ridurne l’efficienza energetica.

Le incrostazioni calcaree che si vengono a formare per questa via vanno così a ridurre le sezioni utili all’interno delle tubazioni, con la pratica inibizione del funzionamento delle valvole termostatiche. In tal modo possono aumentare le perdite di carico all’interno degli impianti, trasferirsi un maggiore carico alle pompe, causando maggiori carichi elettrici, sino ad arrivare in alcuni casi all’innesco di fenomeni corrosivi in grado di sfociare infine nella perforazione delle tubazioni. In presenza di questi fenomeni, si può quindi agevolmente comprendere come la questione riguardante la normativa sull’addolcimento dell’acqua sia oggetto di tanta attenzione, non solo a livello nazionale, ma anche comunitario.

Ci.Ma.Calor effettua su richiesta durante la manutenzione una prova gratuita per verificare la durezza della vostra acqua.
I nostri servizi